Esperio: La Disney può celebrare il doppio dei fan e molto altro

274
Esperio

Le azioni Walt Disney, nelle contrattazioni after-hour alla Borsa di New York (NYSE), sono aumentate dell’8,8% dopo una crescita del prezzo del 3,33% durante la sessione regolare.

Il pioniere dell’industria dell’animazione è riuscito a ripetere un altro prezzo record dopo averlo fatto anche l’anno scorso, il che consente all’azienda di godere di crescenti ritorni finanziari dal canale di streaming Disney+. Lanciato a novembre 2019, il servizio ha consentito al colosso della produzione cinematografica di diversificare le proprie fonti di reddito durante la pandemia. Pertanto, i blocchi e l’autoisolamento e altre restrizioni sull’intrattenimento all’aperto non hanno impedito alle azioni Disney di salire a $203 per azione nel marzo 2021, cioè circa $50 in più rispetto ai picchi pre-pandemia.

I prezzi delle azioni Disney sono stati vicini ai livelli massimi fino alla fine del 3° trimestre, ma poi i prezzi hanno subito una profonda correzione e hanno testato il minimo vicino a $130 per azione poiché il numero di nuovi abbonati a Disney+ stava crescendo meno intensamente rispetto alle aspettative degli investitori. Nel frattempo, le restrizioni imposte ai parchi a tema, alle crociere marittime e ai cinema sono rimaste in vigore più a lungo del previsto. Tutte quelle aree di intrattenimento hanno aumentato le entrate della Disney di un terzo rispetto a prima della pandemia, commenta Alex Boltyan, l’analista di Esperio.

Ora ci troviamo di fronte ad una visione più ottimistica. Secondo l’amministratore delegato della Disney Bob Chapek, i parchi internazionali potrebbero ancora essere colpiti dal COVID-19, ma non i parchi e i resort statunitensi che hanno già generato entrate superiori ai livelli pre-pandemia per il quarto trimestre del 2021. Le entrate totali di The Walt Disney Company sono aumentate del 34% rispetto al livello più alto di sempre di $21,82, che ha battuto la stima di consenso di Wall Street di 20,27 miliardi. Escludendo gli articoli in vendita, la Disney ha guadagnato $1,06 per azione, superando la soglia del trimestre di $1 per azione per la prima volta nell’era del COVID-19 e battendo le stime medie degli esperti di oltre il 45%.

Le vendite nei parchi, nuove attrazioni e la vendita dei prodotti dell’azienda sono aumentate di oltre il doppio, 7,23 miliardi di dollari, mentre l’utile operativo si attesta a 2,45 miliardi di dollari. Un anno fa, i segmenti Disney, ad eccezione dei servizi di streaming, hanno registrato una perdita di 119 milioni di dollari. “Questo è l’ultimo anno del primo secolo della Walt Disney Company e risultati come questi, uniti alla nostra impareggiabile raccolta di risorse e piattaforme, di capacità creative e un posto unico nella cultura generale, mi danno grande fiducia che continueremo ad essere un punto di riferimento nell’intrattenimento per i prossimi 100 anni”, ha affermato Chapek durante una teleconferenza con gli investitori.

Il business dello streaming Disney+ ha registrato un nuovo record sul numero complessivo di abbonati che è arrivato a 129,8 milioni, il 36,6% in più rispetto ai 94,9 milioni di un anno prima, battendo le aspettative di consenso di circa 125,7 milioni. I proventi mensili medi per utente del servizio negli Stati Uniti sono aumentati fino a $6,68 da $5,80. Ogni abbonato internazionale ha dato in media $5,96 nel 2021 contro $4,73 nel 2020. I risultati sono stati sostenuti da un aumento dei prezzi al dettaglio a seguito della spirale dell’inflazione. L’aumento dei prezzi al dettaglio non ha minato la rapida crescita della domanda di servizi Disney+ e alcuni costi aggiuntivi inaspettati per la produzione di film in condizioni così complicate sono stati ben ripagati.

I blockbuster Disney+, tra cui The Mandalorian e Black Widow, hanno la possibilità nel 2022 di soddisfare i fan e attrarre nuovi abbonati. L’attesissima serie di Obi-Wan Kenobi inizierà su Disney+ il 25 maggio. Prima della fine del 2021, il servizio ha già pubblicato il primo episodio di The Book of Boba Fett, oltre alla serie di documentari The Beatles: Get Back del famoso regista Peter Jackson.

La società ha guadagnato 11,8 milioni di abbonati Disney+ solo nell’ultimo trimestre e Bob Chapek ritiene che il servizio di streaming raddoppierà i numeri a 230-260 milioni di abbonati in tutto il mondo entro il 2024. Almeno un recupero a $200+ per azione nel prossimo futuro, o addirittura il risultato di obiettivi più alti non sembra essere una missione impossibile per la Disney.

Segui le notizie dai mercati finanziari con Esperio