Esperio: Mercati ispirati da Fed & Co

307
mercati

La Federal Reserve (Fed), la Banca Centrale Europea (BCE) e la Bank of England (BoE) hanno navigato senza intoppi attraverso le difficoltà dell’economia globale mentre ci si dirige verso la ‘stagflazione’. Il leader della Fed Jerome Powell ha giocato bene le proprie carte rassicurando in maniera professionale il mercato evitando accuratamente qualsiasi giudizio sulla decisione finale della Fed. Il grafico dei membri del Federal Open Market Committee, a cui gli investitori di solito si riferiscono, è stato presentato da Powell come un’offerta ma non un impegno a cui il mercato dovrebbe fare riferimento.

“Jay Powell ha tenuto oggi la sua migliore conferenza stampa [15 dicembre], quasi l’esatto opposto della disastrosa performance del “pilota automatico” di tre anni fa”, ha affermato Jeffrye Gundlach, fondatore di Double Line Capital. In effetti, il signor Powell è stato considerato molto convincente mentre parlava ripetutamente della economia forte negli Stati Uniti. La Fed prevede che l’economia crescerà del 5,5% nel 2021 e del 4% nel 2022.

È stato estremamente convincente nel parlare, non ha lasciato spazio a speculazioni sulla piena occupazione e su quando potrebbe essere raggiunta. Poiché la Fed ha un duplice obiettivo nel suo mandato, la disoccupazione e la stabilità dei prezzi. Raggiungere un livello di piena occupazione è diventato un motivo fondamentale per i responsabili della politica monetaria per continuare con il programma di stimolo mentre l’inflazione è ai massimi storici da 40 anni. Powell aveva scelto accuratamente queste parole “questa è un’economia in forte espansione in cui l’inflazione è stata più persistente” ma che ci sono stati anche “straordinari progressi verso la piena occupazione”. “Il mercato del lavoro sotto molti aspetti è più caldo di quanto non fosse mai stato prima della pandemia”, ha detto Powell ai giornalisti. Tuttavia, non ha specificato quando si raggiungerà la piena occupazione l’anno prossimo, e questo lascia anche spazio al proseguimento delle misure di stimolo, compresi i tassi di interesse ultra bassi nel 2022.

Il punto debole della Fed, tuttavia, sono i rischi di inflazione che sono stati ignorati dai responsabili delle politiche monetarie statunitensi per molto tempo, commenta Queen Denise Keza, l’analista di Esperio. Molti investitori esprimono preoccupazione per gli sforzi costanti della Fed per affrontare l’inflazione vertiginosa. L’ex governatore del consiglio della Federal Reserve Frederic Mishkin ha affermato che le azioni della Fed sono preoccupanti. “Penso che la Fed sia ad una svolta”, ha detto mercoledì al “Power Lunch” della CNBC. “La realtà è che l’inflazione è molto più alta di quanto previsto e anche più permanente di quanto si aspettassero”.

Ma il signor Powell, per quanto strano possa sembrare, ha l’opinione opposta. “Non siamo ad una svolta, ma siamo in grado di fare i giusti passi per affrontare l’alta inflazione”, ha detto Powell. E questa è stata un’ottima risposta poiché il capo della Fed ha lasciato un po’ di spazio all’autorità di vigilanza monetaria per modificare le proprie decisioni anche in termini di tapering che è stato aumentato due volte a $30 miliardi a partire da metà gennaio. In effetti, la Fed potrebbe essere abbastanza flessibile con le proprie mosse a questo punto poiché l’importo mensile allegato al programma di acquisto di obbligazioni scenderà a $40 miliardi o anche di meno per continuare le misure di stimolo. “Abbiamo avuto la nostra prima discussione sul bilancio, ha detto Powell alla riunione di questo mese, anche se qualsiasi azione in tal senso è ancora lontana”. Non dimentichiamo che dopo la crisi finanziaria globale del 2008 e diversi cicli di acquisto di obbligazioni, la Fed abbia trascorso 10 mesi a ridurre gli acquisti di asset, per poi attendere più di un anno per iniziare ad aumentare i tassi di interesse.

E ciò solleva dubbi sui tre aumenti dei tassi di interesse nel 2022 poiché la Fed potrebbe persino rimescolare la propria decisione lasciando alcuni fondi mensili per l’acquisto di obbligazioni oltre l’aprile 2022.

La variante Omicron è stata sminuita dalla Fed in quanto non considerata un fattore significativo per influenzare le decisioni monetarie. “Anticipare la fine del nostro tapering di alcuni mesi è davvero una cosa appropriata da fare”, ha affermato Powell. “Omicron non ha molto a che fare con questo.”

Inaspettatamente, la BoE ha deciso di alzare il tasso di interesse dallo 0,1% allo 0,25%. La mossa è avvenuta probabilmente nel mezzo della pressione politica interna che stava aumentando su di loro. I recenti dati sull’inflazione al 5,1% su base annua per il mese di novembre hanno definitivamente bloccato la politica monetaria espansiva per il Regno Unito. L’effetto è stato che la sterlina britannica è salita oltre 1,33700, passando il testimone alla BCE, che è ovviamente meno turbata dall’inflazione. Durante la sua riunione di giovedì, la BCE ha deciso di eliminare gradualmente il programma di acquisto in emergenza di obbligazioni entro marzo 2022, promuovendo un programma di acquisto di obbligazioni diluito fino ad ottobre del prossimo anno. Questa decisione ha portato ad un acquisto complessivo di obbligazioni di 40 miliardi ogni mese a partire da aprile. Quindi, questa non è una sorpresa. Ma l’euro ha registrato un forte rialzo a 1,13500, in aumento dello 0,5%, poiché gli investitori considerano positiva una mossa complessiva verso il tapering in Europa.