Crocetta azzera la giunta: ritirare deleghe ad assessori, si attende adesso il nuovo Governo della Regione Sicilia

Rosario Crocetta ha azzerato la giunta di governo: a casa tutti gli assessori, restano la Lo Bello e Contraffatto.

Rosario Crocetta, presidente della Regione Sicilia ha deciso di azzerare la giunta: ‘coerente con il percorso avviato, ho provveduto oggi a revocare le deleghe e le nomine agli assessori, azzerando la giunta. Rimangono in carica il vicepresidente, assessore Lo Bello, che manterrà le deleghe della formazione e delle attività produttive, al fine di evitare vacatio di governo in mia assenza e l’assessore Contrafatto, per ragioni esclusivamente tecniche legate alla sua aspettativa di magistrato. La scelta – dice il presidente – non era più rinviabile e l’azzeramento vuole accelerare i tempi del nuovo governo, legittimando pienamente una squadra, in una fase in cui occorre procedere al confronto con il governo nazionale sul risanamento dei conti, realizzare velocemente le riforme, certificare entro l’anno la programmazione europea e avviare la nuova. La Sicilia non può aspettare. Sono fiducioso che i partiti nei due giorni in cui sarò per ragioni istituzionali all’estero, sapranno trovare l’intesa necessaria che richiede la responsabilità del momento’.

‘Al mio rientro tutto dovrà essere concluso, poiché l’azione di governo e quella politica devono pienamente coniugarsi con i tempi, altrimenti il governo e la politica diventerebbero totalmente incomprensibili ai cittadini. Io non voglio diventare incomprensibile e con la chiarezza di sempre continuo a muovermi all’interno delle corde civili e serie che impone la situazione. Al mio rientro
nulla potrà essere più rinviato. Ho affidato al segretario del mio partito il compito di mantenere con altre forze politiche e i movimenti, le interlocuzioni necessarie e con lui mi raccorderò costantemente in questi giorni, ha concluso Rosario Crocetta.

Be the first to comment on "Crocetta azzera la giunta: ritirare deleghe ad assessori, si attende adesso il nuovo Governo della Regione Sicilia"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*