RC Auto: ANIA conferma la riduzione dei prezzi

rc auto

I prezzi delle RC Auto sarebbero al ribasso. Lo ha confermato l’ANIA, Associazione Nazionale Imprese Assicurative. Ci sarebbe negli ultimi mesi un calo pari al 6% del prezzo medio per le assicurazioni auto. Nello specifico la tariffa media dell’ultimo trimestre del 2016 sarebbe stabile sui 420 euro. Nei tre mesi precedenti il prezzo era pari a circa 426 euro e alla fine del 2015 ci si attestava intorno ai 439 euro.

Nel DDL Concorrenza che è all’esame della Camera è stata tolta la cosiddetta Tariffa Italia. Si trattava di una disposizione che avrebbe avvantaggiato soprattutto gli automobilisti virtuosi del Sud. Attraverso la Tariffa Italia si sarebbe avuta l’applicazione di uno sconto per allineare il prezzo dell’assicurazione auto alla migliore tariffa media del Paese.

Nel DDL restano in vigore degli sconti che si presentano in modo significativo. Degli sconti ci sono anche a favore degli assicurati che accettano nella loro polizza le clausole antifrode. Una delle soluzioni più logiche in questo senso consiste nel montaggio della scatola nera, per registrare le informazioni che riguardano eventuali incidenti.

Dei cambiamenti ci sono anche nella procedura per l’identificazione dei testimoni di un sinistro. I soggetti dovranno essere indicati nella denuncia o nel primo atto formale che il danneggiato presenta nei confronti dell’impresa. Pertanto il riconoscimento dei testimoni non può più avvenire alla richiesta di risarcimento. Il danno non patrimoniale dovrà essere stabilito dal giudice con valutazione equitativa.

Nel frattempo, in attesa dell’approvazione del DDL Concorrenza, gli assicurati potranno fare ricorso all’abolizione del tacito rinnovo. In questo modo, dopo la scadenza della polizza, hanno la possibilità di verificare il mercato delle assicurazioni, per scegliere la compagnia che consenta maggiormente di risparmiare.

Be the first to comment on "RC Auto: ANIA conferma la riduzione dei prezzi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*