Francia, armi per l’attentato di Hyper Cache: arrestati esponenti di estrema destra

Attentato di Hyper Cache in Francia: esponenti di estrema destra avrebbero fornito armi a Coulibaly

Francia, armi per l’attentato di Coulibaly: arrestati esponenti di estrema destra – Non si arrestano le indagini dell’antiterrorismo in Francia. Nel mirino degli investigatori sono finite, questa volta, alcuni esponenti del Fronte Nazionale, il partito di estrema destra schierato contro l’immigrazione nel paese. Un legame davvero particolare quello tra l’area politica più xenofoba ed il terrorismo di natura islamica.

Le perquisizioni hanno interessato soprattutto l’area settentrionale della Francia dove vivevano gli uomini che, secondo l’accusa, avrebbero fornito le armi per l’attentato che Amedy Coulibaly compì nel supermercato ebraico di Hyper Cache. Il giovane, dopo un giuramento farneticante di fedeltà al califfo dello Stato Islamico, entrò nel supermarket uccidendo quattro persone.

Si chiamano Claude Hermant e la moglie e sono stati arrestati con l’accusa di aver fornito le armi al terrorista. L’uomo ha fatto parte per alcuni anni dell’esercito militando anche nel partito di Le Pen per alcuni anni. Le armi, secondo l’accusa, sarebbero state fornite dalla donna, da proprietaria di un campo da “paintball” nel quale sarebbero transitate le pistole utilizzate per una strage che ha scosso la Francia.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.