Cani nati in provetta, l’ultima trovata della scienza

Sono passate poche ore dalla nascita dei primi cani in provetta. Si tratta di sette cuccioli di razza cocker spaniel e beagle. I cagnolini godono di ottima salute  e, per ora, mostrano le normali caratteristiche dei classici cani. Lo scopo dell’esperimento è quello di replicare esemplari di altri canidi minacciati dal pericolo dell’estinzione.

Ma non solo i cani che potrebbero avvantaggiarsi di questo studio. Sono ben 350 le patologie ereditarie che i cani hanno in comune con noi uomini. Lo studio, realizzato dall’Istituto Baker per la salute animale della Cornell University, è stato appena pubblicato sulle pagine del magazine Plos One.

I cani sono sono nati 19 embrioni impiantati e rappresentano il  risultato di una tecnica del tutto nuova perla fecondazione che si combina con una riscrittura dei geni del Dna. Una tecnica innovativa e che, secondo i ricercatori, permetterà di conservare a lungo il patrimonio genetico di specie a rischio estinzione.

Be the first to comment on "Cani nati in provetta, l’ultima trovata della scienza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*